bartolomeo gagliano

Andare in basso

bartolomeo gagliano

Messaggio Da gigi il Ven Dic 20, 2013 1:08 pm

Le norme sull’ordinamento penitenziario (art. 30 ter L. 26 luglio 1975, n. 354) consentono ai condannati che hanno tenuto regolare condotta e che non risultano socialmente pericolosi, di richiedere un permesso premio di durata non superiore ogni volta ai quindici giorni per poter coltivare interessi affettivi, culturali o di lavoro.

Il permesso premio è concesso dal magistrato di sorveglianza sentito il direttore dell’istituto penitenziario per una durata non superiore a quarantacinque giorni complessivi in ogni anno di espiazione della

La legge è chiara: la condotta si considera regolare quando il soggetto, durante la detenzione, ha manifestato “costante senso di responsabilità e correttezza nel comportamento personale, nelle attività organizzate negli istituti e nelle eventuali attività lavorative o culturali

La Corte di Cassazione, a proposito dell’accertamento del requisito della pericolosità sociale, ha affermato che “ai fini della concessione o meno del permesso premio è del tutto legittimo che il requisito della pericolosità venga valutato con particolare attenzione nel caso di soggetti condannati per reati di allarmante gravità e con fine pena lontani nel tempo, attribuendosi rilevanza in senso negativo, anche alla mancanza di elementi indicativi di una rivisitazione critica, da parte del condannato, del suo pregresso comportamento deviante”.

Il reato per cui Gagliano era in carcere non è né tra quelli di allarmante gravità, né con fine pena lontano nel tempo (sarebbe stato libero nell’aprile 2015).
Questa affermazione puo sembrare strana ma il soggetto è stato condannato per gli omicidi e gli stupri precedenti  con la clausola "non in grado di intendere e di volere "per cui non colpevole di fatto e condannato a una pena irrisoria in manicomio criminale,quindi il permesso il giudice lo ha concesso sugli ultimi delitti,rapina e furto, senza poter prendere in considerazione i precedenti delitti commessi

Non solo: non tutti i condannati possono richiedere un permesso premio.

La richiesta è infatti ammessa per chi, condannato a una pena superiore ai tre anni come nel caso di Gagliano, abbia già scontato almeno un quarto della pena totale. Comunque il permesso:

- non è richiedibile da un condannato per uno dei reati considerati particolarmente gravi come, ad esempio, buona parte dei reati sessuali;

- non può essere concesso prima di due anni nel caso in cui ci sia stata una precedente evasione.

Gagliano era già evaso, ma non nei due anni precedenti.

I permessi premio sono un fondamentale passaggio nel trattamento rieducativo con il quale si realizza il principio di rieducazione della pena sancito dall’art. 27 della nostra Costituzione.

Rappresentano la possibilità per ricominciare a prendere contatto con il mondo dopo un periodo di profonda sofferenza tra le mura di un carcere: la notizia come sempre la fa l’episodio eccezionale.

Mettere in discussione un istituto fondamentale per il reinserimento sociale del condannato significa seguire l’emozione del momento, la paura, dimenticandosi della ragione che giustifica la pena, la rieducazione del condannato.

Tutto questo per mettere in chiaro una polemica che sicuramente arriverà anche qui e allora posto la mia risposta prima che venga posta la domanda,con questo non è che sia in accordo con ciò che è successo ma  è la legge italia e le leggi le fanno i politici, non i giudici, che son solo tenuti a rispettarle

gigi
Monsieur
Monsieur

Maschile
Numero di messaggi : 1568
Forum : [table border=\"2\"; bordercolor=green]
[tr]
[td]Arcobaleno[/td]
[/tr]
[/table]
Data d'iscrizione : 18.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: bartolomeo gagliano

Messaggio Da gigi il Ven Dic 20, 2013 1:22 pm

La storia giudiziaria di Bartolomeo Gagliano, evaso martedì dal carcere genovese di Marassi, durante un permesso premio, è lunga 32 anni e riempie centinaia di pagine di verbali e di sentenze. Nato a Nicosia, in Sicilia, nel 1958, si trasferì da bambino a Savona, in Liguria. Nella sua «carriera criminale» si contano almeno 3 omicidi e un tentato omicidio. E poi: evasioni, rapine ed estorsioni.

1981 - L’OMICIDIO IN AUTOSTRADA - Il primo delitto risale al 15 gennaio 1981. In un autogrill dell’autostrada Genova-Savona, all’altezza del casello di Celle Ligure, Gagliano uccise la prostituta genovese Paolina Fedi, 26 anni, con la quale aveva una relazione. Le sfondò il cranio con una grossa pietra e abbandonò il corpo lungo la strada. Arrestato, confessò. Venne sottoposto a perizia psichiatrica e dichiarato quindi «soggetto psicopatico, totalmente incapace di intendere». La «condanna»: otto anni nell’ospedale psichiatrico giudiziario di Aversa.


LA PRIMA EVASIONE – Restò dentro due anni. Poi, nel 1983, il primo permesso, e la prima evasione. Ne approfittò per sequestrare a Massa Marittima una famiglia, perché lo portassero in auto a Savona. Finì in una sparatoria con la polizia. Ferito a una gamba, fu riportato dentro. E trasferito nell’Opg di Montelupo Fiorentino, da dove evase nel 1989, dopo un permesso.

1989 - «IL KILLER DI SAN VALENTINO» - Durante la latitanza, colpì ancora. Il 6 febbraio 1989 uccise a Cantalupa, nei pressi di Milano, una transessuale uruguaiana, Nahir Fernandez Rodriguez. Pochi giorni dopo, 14 febbraio, a Genova, nell’elegante quartiere di Carignano, uccise a colpi di pistola un travestito - Francesco Panizzi, in arte «Vanessa» - che si trovava in auto con un cliente (anche lui ferito). Il giorno dopo, nella stessa zona, sparò al volto di un prostituta, 29enne. L’arma era sempre la stessa: una Beretta 7,65. Il proiettile le trapassò la gola fratturandole la mascella. L’intenzione era quella di uccidere, ma la donna, incredibilmente, sopravvisse. Per questi delitti - portati a termine insieme al genovese Francesco Sedda, conosciuto nell’Opg di Montelupo - Gagliano fu soprannominato «il mostro di San Valentino». La sua «firma» sugli omicidi, ricordano gli inquirenti, era sempre la stessa: un colpo di pistola alla bocca. I due vennero arrestati pochi giorni dopo, dichiarati infermi di mente e internati nell’Opg di Reggio Emilia.

‘90-’94 - ALTRE EVASIONI - Nel 1990 un’altra evasione dall’Opg di Reggio, durante un altro permesso. Quella volta, il giudice che lo doveva interrogare per i fatti dell’anno prima, Dino Di Mattei, si stupì: «Non capisco il perché del permesso premio - disse -. Era giudicato totalmente infermo di mente e molto pericoloso». Gagliano non lo smentì. «Durante un permesso gli fu concesso andare in discoteca», ha ricordato un testimone. «Lì conobbe una ragazza in discoteca, ci si fidanzò e le sparò in faccia, a Firenze». La ragazza si salvò per miracolo. E lo difese («Non voleva farmi del male», disse). Lui si costituì e tornò a Reggio. Da dove evase ancora nel ‘91 e nel ‘94, quando fu accusato del ferimento di un metronotte a Pietra Ligure, in provincia di Savona. Poi, a fine 2002 venne liberato, in quanto considerato «guarito».

2005-’06 - ESTORSIONE E RAPINE – Tornò a vivere a casa dei genitori. Ma, agli inizi della primavera del 2005, iniziarono le rapine. Almeno quattro, ai danni di supermercati e sportelli postali. L’ultima risale al 9 maggio 2005. L’obiettivo: le Poste di Savona. Un colpo da 3.000 euro. Gagliano venne arrestato e condannato a 3 anni e 6 mesi di carcere. Ne uscì nel 2006, grazie all’indulto. Ma la libertà durò appena una settimana. Tornò dietro le sbarre con l’accusa di estorsione, il reato per cui era tuttora detenuto: insieme a un complice aveva sottratto 2mila euro a un imprenditore della zona di Borgio Verezzi, nel ponente savonese, con la scusa di proteggerlo e per «evitare guai».

2005 - VIOLENZA NELLA SALETTA COLLOQUI - In carcere le violenze non si fermarono. Il 10 maggio 2005, nella casa circondariale di Savona, interrogato dal pm Alberto Landolfi, l’uomo perse la testa e distrusse la saletta colloqui. La scena fu descritta dallo stesso pm nell’avviso di conclusioni delle indagini aperte a suo carico per danneggiamento aggravato: «Afferrando all’improvviso un attaccapanni che scagliava contro la vetrina di un armadio deteriorava beni destinati ad uso pubblico e destinati a pubblico servizio». Sarebbe tornato libero nell’aprile 2015.


La comicità,si fa per dire ,del tutto è che quando è fuggito ha sempre trovato asilo ed aiuto in casa di donne che lo hanno sempre difeso bho????

gigi
Monsieur
Monsieur

Maschile
Numero di messaggi : 1568
Forum : [table border=\"2\"; bordercolor=green]
[tr]
[td]Arcobaleno[/td]
[/tr]
[/table]
Data d'iscrizione : 18.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: bartolomeo gagliano

Messaggio Da Penelope il Dom Dic 22, 2013 8:15 am

son contenta che Alfano era contento  lol! lol! lol! 
avatar
Penelope
Madame
Madame

Femminile
Numero di messaggi : 52
Forum : [table border=\\\"2\\\"; bordercolor=green][tr][td]Arcobaleno[/td][/tr][/table]
Data d'iscrizione : 28.07.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: bartolomeo gagliano

Messaggio Da terry il Dom Dic 22, 2013 9:28 am

un caso ..........davvero storico mi chiedo solo..se uno è malato deve rimanere in mano alla pischiatria... non che si rimanda nei carceri siamo circondati da persone incompetenti ecco la verità.
avatar
terry
Madame
Madame

Femminile
Numero di messaggi : 3559
Forum : [table border=\"2\"; bordercolor=green]
[tr]
[td]Stupido è chi stupido fa[/td]
[/tr]
[/table]
Data d'iscrizione : 22.10.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: bartolomeo gagliano

Messaggio Da struz il Dom Dic 22, 2013 9:40 pm

la psichiatria non esiste più, tutti matti sono fuori, ci sono anche io tra i quelli  Very Happy lol! lol! lol! 
avatar
struz
Moccioso
Moccioso

Maschile
Numero di messaggi : 190
Forum : [table border=\\\"2\\\"; bordercolor=green][tr][td]Arcobaleno[/td][/tr][/table]
Data d'iscrizione : 02.12.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: bartolomeo gagliano

Messaggio Da clarisweb il Lun Dic 23, 2013 10:11 am

cara Terryna, se un giorno darai i numeri per un ricovero coatto di solo pochi giorni ci vorrò il permesso del sindaco  Very Happy altrimenti non ti portano via  lol! lol! lol! lol! 
avatar
clarisweb
ADMIN
ADMIN

Femminile
Numero di messaggi : 5838
Forum : [table border=\\\"2\\\"; bordercolor=green][tr][td]Arcobaleno[/td][/tr][/table]
Data d'iscrizione : 07.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: bartolomeo gagliano

Messaggio Da terry il Lun Dic 23, 2013 4:20 pm

ma va là.... allora se uno è matto è nelle carceri comuni?
Presso il carcere "La pulce" di Reggio Emilia ne esiste una sezione. ecc... 
avatar
terry
Madame
Madame

Femminile
Numero di messaggi : 3559
Forum : [table border=\"2\"; bordercolor=green]
[tr]
[td]Stupido è chi stupido fa[/td]
[/tr]
[/table]
Data d'iscrizione : 22.10.07

Tornare in alto Andare in basso

Re: bartolomeo gagliano

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum